La democrazia è una questione di stile (?): J. Rancière e la politica della letteratura di G. Flaubert

Immacolata De Pascale

Abstract


Il saggio propone un’analisi della “politica della letteratura” di J. Rancière attraverso lo stile del romanzo realista di G. Flaubert. La letteratura come “nuovo regime dell’arte dello scrivere” si caratterizza per la presa di distanza dalle regole del regime rappresentativo di matrice aristotelica fondato sulla gerarchia dei temi e dei soggetti d’arte. La letteratura e in particolare lo stile realista sospende ogni forma di gerarchia e innalza alla dignità di soggetti artistici il qualunque e l’anonimo definendo in tal modo la propria politica democratica.

This essay offers an analysis of J. Rancière's "politics of literature" through the style of G. Flaubert's realist novel. Literature as a "new regime of the art of writing" is characterized by its distancing from the rules of the representative regime of Aristotelian origin, based on the hierarchy of themes and subjects of art. Literature, and in particular the realist style, suspends all forms of hierarchy and raises the anyone and the anonymous to the dignity of artistic subjects, thus defining one's own democratic politics.


Keyword


Aesthetics; Rancière, Flaubert; Politics; Literature;

Full Text

PDF

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Licenza Creative Commons
Aisthema, International Journal è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Indexed in:

 

 

 


ISSN 2284-3515     © Aisthema, International Journal, Credits