«Speciosus forma es prae filiis hominum» (Sal 45,3). La bellezza del Messia

Gaetano Di Palma

Abstract


Il contributo intende seguire il percorso che dal testo biblico ai primi autori cristiani ha condotto a rivalutare l’idea di bellezza del Messia. Dopo un breve esame della terminologia della Bibbia ebraica e della versione dei Settanta fino al NT, l’autore si concentra sui due brani che hanno determinato il dibattito sulla bellezza di Cristo: Is 52-53 e il Sal 45. Da ciò deriva un cambiamento dell’idea stessa di bellezza, che non si ispira più a quella del mondo greco, ma si amplia, scorgendola anche sul volto del Risorto che porta i segni della passione.


Full Text

PDF

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Licenza Creative Commons
Aisthema, International Journal è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Indexed in:

 

 


ISSN 2284-3515     © Aisthema, International Journal, Credits