Aesthetics and its “End”

Giampiero Moretti

Abstract


The Author intends to show how the notion of “aura” which may be equated to “wonder-awe”, commonly regarded as the “origin of philosophy”, is what intimately connects the birth of aesthetics to that of philosophy, in Greece. The Author then examines key points in the development of “aesthetics” as a discipline by considering some of the most influential philosophers, both ancient (Plato, Aristotle, and Plotinus) and modern/contemporary (from Kant to Heidegger). The gradual disappearance of the notion of “aura” in the history of the discipline is fundamental for understanding the “crisis” aesthetics suffered in the 1900s. L'autore intende mostrare come la nozione di "aura" che può essere equiparata al "meraviglioso", comunemente considerata come l'"origine della filosofia", è ciò che lega intimamente la nascita dell'estetica a quella della filosofia, in Grecia. L'autore esamina poi i punti chiave nello svipuppo dell'"estetica" come disciplina considerando alcuni dei più influenti filosofi, antichi (Platone, Aristotele e Plotino) e moderni/contemporanei (da Kant a Heidegger). La graduale scomparsa della nozione di "aura" nella storia della disciplina è fondamentale per comprendere la "crisi" di cui soffre l'estetica nel Novecento.  

Keyword


Aesthetics; Aura; History of Aesthetics; Philosophy

Full Text

PDF (English)

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.


Licenza Creative Commons
Aisthema, International Journal è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale.

Indexed in:

 

 

 


ISSN 2284-3515     © Aisthema, International Journal, Credits